Spedire prodotti freschi può sembrare difficile, ma con i giusti imballaggi e adottando pochi accorgimenti è possibile garantire il mentenimento della freschezza e della qualità per tutto il viaggio.

Se sei un produttore o hai un e-commerce è fondamentale che impari i trucchi e sapere quali sono gli imballaggi che ti possono aiutare a mantenere un prodotto fresco fino  a 48 ore. In questo articolo andremo a vedere di cosa hai bisogno.

Spedire Prodotti Freschi. Quali Imballaggi Servono?

Imballaggi per spedire prodotti freschi

Quando dobbiamo spedire fresco la priorità è il mantenimento della freschezza il più a lungo possibile, ma non solo, dobbiamo anche fare in modo che al cliente arrivi un packaging interno decoroso, presentabile.

Scuotimenti durante il trasporto e la potenziale creazione di condensa potrebbero compromettere l’interno del pacco, correndo il rischio di consegnare in condizioni disastrose.

Ecco il kit di chi vuole spedire fresco in modo professionale:

  • Imballaggio isotermico
  • Ghiaccio sintetico
  • Imballaggi riempitivi e protettivi
  • Materiale assorbente
  • Sacchi sottovuoto
  • Etichettatura

Non è sempre è necessario utilizzarli tutti, dipende dal prodotto, dalla sua fragilità, dalla sensibilità alla condensa, alla deperibilità e predisposizione alla proliferazione di batteri.

Iniziamo ad approfondire i due elementi che non possono mancare mai, il contenitore isotermico ed il ghiaccio sintetico.

Contenitori Isotermici Per Spedire Prodotti Freschi

Per preservare la freschezza e mantenere una temperatura stabile è necessario utilizzare un contenitore isotermico che isoli e protegga la temperatura interna da quella esterna, più calda.

Quando parliamo di contenitori isotermici la mente ci porta ai box in polistirolo, ma il mercato degli imballaggi termici si è evoluto, offrendo diverse soluzioni da adattare alle singole esigenze. Si va dai sacchi termici come i TermoBag di FrostPac, a imballaggi totalmente ecosostenibili con materiale isolante in cotone o cellulosa.

Quale utilizzare? Dipende dalla tipologia di prodotto da spedire, dalla stagione, e dai tempi di consegna.

Ghiaccio Sintetico Per Spedizioni

Il ghiaccio sintetico ti permette di mantenere una temperatura di 0-4°C per tutto il viaggio, o -16°C utilizzanto il ghiaccio Super Gel nel caso di surgelati.

Si tratta di elementi refrigeranti passivi che vanno preparati in freezer e tolti al momento della preparazione della spedizione.

Ne esistono di diversi formati, e FrostPac offre ogni tipo di ghiaccio sintetico per spedizioni.

Di recente abbiamo scritto un post su come scegliere il giusto ghiaccio sintetico per le tue spedizioni, dagli un’occhiata.

Imballaggi Riempitivi e Protettivi

Il nemico numero uno quando spedisci fresco è l’aria a temperatura ambiente, che intrappolata all’interno farà scambio termico con il ghiaccio, facendolo sciogliere rapidamente. Per questo motivo è fondamentale lasciare meno aria possibile e riempire gli spazi vuoti con del materiale riempitivo.

Possibilmente, quando la tipologia dell’imballaggio isotermico lo permette, come i sacchi termici TermoBag di FrostPac, togliere l’aria dentro il sacco e mettere imballaggi protettivi all’esterno, tra saco termico e scatola di cartone.

In caso di prodotti fragili, i materiali riempitivi avranno anche una funzione protettiva.

Materiale Assorbente

Nel caso di possibilità di produzione di liquidi o condensa, includi materiale assorbente come carta assorbente o tappeti da mettere sul fondo per catturare eventuali perdite o condensa.

In questo modo si manterrà un ambiente ostile alla produzione di batteri e un aspetto presentabile.

Sacchi Sottovuoto

Nei casi di prodotti particolarmente deperibili come carne o frutti delicati, considera l’utilizzo di sacchi sottovuoto per ridurre l’ossidazione e prolungare la freschezza. L’eliminazione dell’aria intorno ai prodotti previente il deterioramento precoce.

Ossidazione a parte, le buste sottovuoto offrono un’ottima protezione da tutto, inclusa la condensa.

Etichettatura

Difficile trovare un corriere attento, ma delle indicazioni poste all’esterno del pacco possono spingerlo a fare più attenzione. Parliamo, per esempio, di frecce che vanno verso su per indicare la posizione in cui tenerlo, oppure etichette che dicano che si tratta di un prodotto fragile, o diciture tipo “prodotto fresco”.

Conclusioni:

Il settaggio, gli imballaggi, e gli accorgimenti da utilizzare dipendono da caso a caso. Non esiste un sistema universale, e bisogna avere il buon senso di capire cosa serve per il tuo prodotto.

Ti consigliamo di contattarci per una consulenza gratuita per assisterti al meglio con delle soluzioni adatte alle tue esigenze.